Il tipo di cura di cui ogni cane ha bisogno dipende dal tipo di pelo che ha, se corto o lungo, se ispido o liscio, dall’età, dallo stato di salute. Per esempio un cane a pelo lungo avrà bisogno di una più attenta cura del manto al fine di evitare che si formino nodi.

Spazzolare il pelo

Fondamentale è spazzolare il cane almeno una volta a settimana e magari aumentare la frequenza nei cani a pelo lungo oppure se si è fatta una passeggiata nell’erba alta. Spazzolarlo oltre a permettere di evitare la formazione di nodi aiuta nella rimozione dei peli morti che altrimenti rimarrebbero incastrati tra gli altri, aiuta a mantenere il pelo più pulito e stimola la produzione dell’olio che mantiene lucido e sano il manto. È importante spazzolare periodicamente il proprio cane soprattutto nei periodi di muta appunto per aiutarlo a liberarsi del pelo che sta cadendo.

Pulire i denti

Questa è una pratica a cui il cane deve essere abituato con un po’ di pazienza in quanto non tutti sono disposti a farsi spazzolare i denti, ma è fondamentale per evitare o comunque ritardare la formazione e l’accumulo di tartaro sui denti che può portare a malattie a carico delle gengive e anche conseguente perdita dei denti. L’ideale sarebbe farlo quotidianamente con l’aiuto di uno spazzolino e utilizzando dentifrici appositi per la salute e l’igiene della bocca del vostro cane.

Fare il bagno

È indicato lavare il proprio cane una volta ogni 2-3 mesi con un minimo di un paio di volte l’anno. Purtroppo tenendo i cani in casa si tende a lavarli più spesso del necessario, ma sappiamo che questo può essere un male per la loro salute. Questo perché un cane a cui vengono fatti troppi bagni tenderà ad avere una pelle grassa o secca e pruriginosa, con un pelo opaco. Ovviamente la frequenza può essere aumentata nel caso in cui si vengano a creare situazioni in cui il cane è entrato a contatto con sostanze particolarmente odorose o nocive per la sua salute che quindi devono essere rimosse il prima possibile.
Fondamentale quando si fa il bagno al cane è utilizzare prodotti specifici per loro per non andare ad alterare il pH della pelle che è differente dal pH della pelle di noi umani. Utilizzare dei prodotti non adatti potrebbe portare ad alterazioni della cute del cane fino anche ad arrivare a sviluppare dermatiti gravi che potrebbero aver bisogno di un trattamento antibiotico.

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn

Published by Aurora Busti

Esperienza Si laurea nel marzo 2016 presso l’università degli Studi di Teramo con una tesi sullo studio dei markers urinari per evidenziare il danno renale nel cane in maniera tempestiva. Dopo un periodo di tirocinio a Galway, in Irlanda, torna a Roma e inizia a lavorare presso una clinica h24 seguendo in particolare le chirurgie, gli animali degenti ed occupandosi di pronto soccorso. La mia relazione con i cani: Da sempre grande amante degli animali in generale, ma in particolare degli animali da compagnia che considera parte integrante della famiglia. Non potrebbe mai vivere senza i suoi gatti!

Leave a comment