No, se consumato in piccole quantità e di rado. Di seguito, spiegheremo se il pane fa male ai cani in tutte le circostanze e soprattutto se ci sono situazioni in cui è assolutamente vietato.

Cosa contiene il pane?

Il pane contiene ingredienti semplici, come la farina, l’acqua ed il lievito, che sembrano apparentemente innocui. Purtroppo, però il pane è ricco di carboidrati, che non devono essere somministrati in alte quantità ad un animale carnivoro, come il cane.

Inoltre, il lievito può determinare fermentazione nell’apparato gastro-enterico del cane, portando a coliche gassose, flatulenza e dolore addominale.

In quali condizioni il pane fa male ai cani?

Proprio per il suo contenuto elevato in carboidrati il pane è controindicato nei cani diabetici, che devono seguire una dieta rigorosa. Lo stesso vale per i cani obesi. Infatti, i carboidrati determinano un rapido incremento di peso.

Bisogna anche evitare il pane nei cani che presentano allergie o intolleranza ai cereali.

Il pane fa sempre male ai cani?

In piccole quantità, il pane può essere somministrato ai cani. Anche perchè, solitamente, ne sono ghiotti. Ad esempio, piccoli pezzi di pane si possono dare per premiarlo.

Si può dare anche del pane secco da sgranocchiare per passare il tempo o per la pulizia dei denti.

Consigli del veterinario

Se il vostro cane ama il pane e non riuscite a resistere ai suoi occhi imploranti, ricordatevi di preferire il pane secco. Questo per evitare i fenomeni di fermentazione legati al lievito, di cui parlavamo prima.

Non somministrate pane tutti i giorni ed in grosse quantità, perchè rischiate di sbilanciare la sua dieta a favore dei carboidrati.

E’ importante, poi, evitare i pani molto ricchi in grassi, quindi quelli conditi con strutto od olio. Sono sicuramente più saporiti, ma anche più pericolosi.

Dott.ssa Stefania Camerano
Medico Veterinario Barkyn