Si, i cani possono mangiare le olive senza pericolo. Tuttavia è importante offrirgliele in quantità molto ridotta e private del nocciolo.

Proprietà nutritive delle olive

Le olive sono alimenti ricchi di numerose sostanze nutritive quali vitamine (A, E e K), minerali come il calcio, proteine, antiossidanti. Svolgono attività antinfiammatoria per l’organismo e sono buone per la salute del pelo e delle ossa dell’animale. Troviamo queste proprietà in entrambe le varietà di oliva, sia nera che verde. Possono quindi essere una buona aggiunta per i cani che stanno seguendo un’alimentazione naturale.

Allo stesso tempo però, le olive sono altamente ricche di grassi e quindi poco adatte alla dieta del cane. Inoltre, le olive in salamoia sono estremamente ricche di sale e per questo non adatte ai nostri cani.

Se quindi il nostro cane mangia qualche oliva ogni tanto non è un problema. E’ però sempre bene ricordarsi di limitare le dosi. Poche olive in più possono infatti contribuire considerevolmente ad un aumento di peso.

Come offrire le olive al cane?

I cani possono mangiare le olive solo dopo che sono state private del nocciolo. Questo infatti, essendo spesso affilato, può causare danni a livello intestinale e nei cani più piccoli può rischiare di creare ostruzioni intestinali.

Derivato dell’oliva è l’olio di oliva, ricco di omega 3, vitamina E e grassi buoni, ottimo per la cute, il pelo e con proprietà antinfiammatorie. E’ stato inoltre dimostrato come diete con una piccola aggiunta di olio di oliva aiutassero i cani anziani a metabolizzare meglio le proteine assunte con l’alimentazione. Questo può essere usato nell’alimentazione del cane ma anche in questo caso non bisogna esagerare: la dose consigliata è di solo mezzo cucchiaino fino ai 10 kg di peso dell’animale, 1 cucchiaino fino ai 30 kg e 1 e mezzo oltre. Dargliene di più può portare l’animale a ingrassare velocemente.

Benefici e controindicazioni della frutta per i cani

In generale, la frutta è ottima per i nostri cani. Contiene infatti vitamine, antiossidanti e molte altre sostanze nutrienti quali fibre, potassio, ferro, e acido folico. Alcuni frutti hanno inoltre una spiccata attività antinfiammatoria. Bisogna ricordarsi però di non esagerare in quanto la quantità di zuccheri contenuta in questi alimenti è alta e potrebbe contribuire all’aumento di peso dell’animale. E’ inoltre sempre bene informarsi sulla possibile pericolosità di qualsiasi tipo di frutto prima di offrirlo al nostro cane poiché, purtroppo, spesso ciò che è sano per noi può essere tossico per loro. Ciò avviene ad esempio con alcuni frutti quali le ciliegie, l’uva o le noci.

I consigli del veterinario

  • Non esagerare con le dosi.
  • Eliminare sempre il nocciolo prima di offrire le olive al cane.
  • Scegliere olive non salate e non in salamoia.
  • L’olio di oliva può essere utilizzato in piccole dosi per rendere più appetibili le crocchette o il cibo del proprio cagnolino.
  • Se il cane è sovrappeso o obeso, è meglio evitare di offrirgli olive o olio di oliva essendo alimenti molto ricchi di grassi e optare per un’alimentazione light.
  • E’ sempre bene far provare un nuovo alimento al cane in piccole dosi per osservare eventuali intolleranze o reazioni allergiche.

Dott.ssa Laura Ciot

Medico Veterinario Barkyn