Si, i cani possono mangiare il cocco in quanto ricco di sostanze nutritive, ma senza esagerare con le dosi.

Proprietà nutritive del cocco

Il cocco è un frutto ricco di sali minerali quali potassio, ferro, fosforo, magnesio, numerose vitamine e fibre. Contiene inoltre alti livelli di manganese, essenziale per la salute delle ossa e per un corretto metabolismo. E’ ricco di antiossidanti che supportano il sistema immunitario. Contiene acido laurico, un acido grasso a catena media che, con la sua azione antinfiammatoria, lo rende un buon integratore per i cani affetti da artrite. Ha proprietà protettive per la pelle e, grazie agli oli naturalmente contenuti in esso, rende il pelo forte e lucido.

Un’ottima variante è anche l’olio di cocco che può essere aggiunto al cibo del cane per apportare tutti i benefici del frutto o può essere usato anche localmente sulla pelle nelle aree più secche.

Come offrire il cocco al cane?

Importanti sono le dosi: pur essendo infatti un frutto dai molti benefici, è ricco di zuccheri che rischiano di far ingrassare facilmente il nostro cane se non consumato con moderazione.

Inoltre, i cani possono mangiare il cocco solo se prima privato accuratamente del guscio. Questo infatti rischia di creare ostruzioni o irritazioni a livello gastrointestinale se ingerito dall’animale.

I cani possono mangiare il cocco fresco, essiccato, in scaglie o nei suoi derivati: l’olio e l’acqua di cocco. Può anche essere usato per creare delle ricette fatte in casa per il nostro cagnolino.

Benefici e controindicazioni della frutta per i cani

In generale, la frutta è ottima per i nostri cani. Contiene infatti vitamine, antiossidanti e molte altre sostanze nutrienti quali fibre, potassio, ferro, e acido folico. Alcuni frutti hanno inoltre una spiccata attività antinfiammatoria. Bisogna ricordarsi però di non esagerare in quanto la quantità di zuccheri contenuta in questi alimenti è alta e potrebbe contribuire all’aumento di peso dell’animale. E’ inoltre sempre bene informarsi sulla possibile pericolosità di qualsiasi tipo di frutto prima di offrirlo al nostro cane poiché, purtroppo, spesso ciò che è sano per noi può essere tossico per loro. Ciò avviene ad esempio con alcuni frutti quali le ciliegie, l’uva o le noci.

I consigli del veterinario

  • Non esagerare con le dosi.
  • Eliminare sempre tutto il guscio prima di dare il cocco al cane.
  • Il cocco può essere ottimo come snack tra un pasto e il successivo o offerto come premio data la sua elevata appetibilità.
  • Preferire cocco biologico, privo di pesticidi.
  • Non offrire mai al proprio cane cocco zuccherato.
  • L’acqua di cocco può essere utilizzata aggiungendola all’acqua della ciotola per far bere di più il nostro cagnolino nelle calde giornate d’estate.
  • E’ sempre bene far provare un nuovo alimento al cane in piccole dosi per osservare eventuali intolleranze o reazioni allergiche.

Dott.ssa Laura Ciot

Medico Veterinario Barkyn