Si, i cani possono mangiare le albicocche. Come per ogni tipo di frutta che i cani possono mangiare, però, è bene sapere qualcosa in più anche riguardo le albicocche.

Proprietà e benefici delle albicocche

Le albicocche sono un frutto estivo, maturano infatti tra giugno e la fine di luglio. Appartengono alla stessa famiglia di prugne, pesche e ciliegie. Il sapore è dolce, ma con una nota acidula, infatti non è detto che i nostri amici a 4 zampe le gradiscano sempre. Le albicocche possiedono proprietà davvero benefiche per la salute sia nostra che dei nostri cani. Infatti:

  • Abbassano i livelli di colesterolo nel sangue.
  • Contengono potassio. Questo minerale è molto importante per sviluppare, contrarre e distendere i muscoli. Ed anche per il corretto funzionamento del cuore.
  • Sono molto ricche di vitamina A. Ha funzione di antiossidante, favorisce la formazione di ossa, unghie e denti e stimola la produzione di melanina.
  • È presente anche la vitamina C. Aiuta l’organismo a ritardare la degenerazione delle cartilagini e rallenta l’artrite. Questo minerale si trova anche in altra frutta come arance e fragole, nelle verdure come i broccoli e anche nelle interiora come il fegato.
  • Hanno un elevato contenuto di fibre. Queste sono utilissime per favorire una corretta regolarità intestinale. Aiutano a produrre un PH intestinale sano, che inibisce la crescita di “batteri cattivi” nel tratto digerente.

Come devo offrire le albicocche al cane?

Prima di tutto lavarle sempre bene sotto l’acqua. Una volta eliminato il nocciolo e la buccia, tagliare il frutto in piccoli pezzi e offrirli al cane come se fosse uno snack, oppure aggiungerle alle abituali crocchette per cani. Ovviamente senza eccedere nelle quantità. Stiamo sempre attenti anche alla taglia del nostro cane. Se è di piccola taglia le quantità saranno minime, per esempio giusto un quarto di albicocca. Se il cane è di media taglia potremmo anche offrirgliene metà. Invece ad un cane di taglia grande possiamo anche arrivare a dare una albicocca intera.

Quando è meglio evitare di dare le albicocche al cane?

È chiaro che bisogna sempre essere attenti a valutare lo stato di salute generale del nostro cane. Se infatti ha già problemi intestinali, evitare di dare frutta che potrebbe influire negativamente in quanto ricca di fibre.

Se invece il nostro cane non ha alcun problema, monitorarlo ugualmente dopo aver offerto le albicocche, perché una dose eccessiva potrebbe provocare diarrea.

Quali parti delle albicocche non possono mangiare i cani?

I cani non possono mangiare il nocciolo. Bisogna prestare massima attenzione al nocciolo. Al suo interno, infatti,  è presente una molecola chiamata amigdalina, molto pericolosa. Una volta ingerito il nocciolo, l’amigdalina si trasforma in cianuro, che è altamente tossico, anche letale. Ogni nocciolo contiene 0,5 mg di cianuro. La dose tossica nel cane è di circa 2mg/kg, ma i livelli possono essere inferiori se si parla di cani di piccola taglia. Le conseguenze possono essere molto gravi. Infatti nel caso ci sia stata ingestione accidentale del nocciolo, i sintomi inizieranno a comparire da 20 minuti fino a 3 ore dopo l’ingestione.

 Il cane presenterà difficoltà respiratorie, difficoltà motorie, aumento iniziale della frequenza cardiaca e poi diminuzione, potrebbero presentarsi convulsioni e poi morte per anossia celebrale e collasso cardiovascolare.

Consigli del veterinario

Le albicocche essendo un frutto molto zuccherino vanno date al nostro cane sempre con molta parsimonia, soprattutto se il cane è obeso o presenta diabete. In ogni caso, l’accortezza maggiore è quella di evitare che possa ingerire il nocciolo, che come già detto può causare gravissime conseguenze.

Sabrina d’Amuri

Medico Veterinario Barkyn